Da piccolissimi i libri di inglese aiutano a familiarizzare con la lingua

I libri di inglese per bambini sono un’ottima risorsa per quei genitori che non parlano correntemente l’inglese, ma vorrebbero avvicinare i propri figli a questa lingua.

Spesso mi viene chiesto a che età avvicinare i bambini all’inglese. E io rispondo: il prima possibile!

 L’INGLESE PER NEONATI E BAMBINI (formato pdf)

Quando i bambini sono piccoli, da neonati, si possono abituare a suoni diversi. Percepiranno l’inglese in maniera naturale e non sarà una forzatura.

Se non parlate correntemente l’inglese, aiutatevi con dei libri. Sarà più facile leggere.

Oppure iniziate con delle canzoncine. Un classico è la ninna nanna. Oppure canzoni che il bimbo già conosce in italiano come Nella vecchia fattoria – Old McDonald had a farm, perché riconoscerà il ritmo seppure le parole siano diverse.

Quale pronuncia?

“Ma la mia pronuncia è pessima!”, mi dicono molti clienti. Niente panico!

Sono d’obbligo due considerazioni:

  1. nel mondo ci sono tantissime persone che parlano inglese come prima lingua con un accento diverso da quello britannico o americano. Eppure parlano inglese, capiscono quando ascoltano un altro madrelingua e vengono capiti. Anche a me piace l’accento British che ho studiato a scuola, però il mio orecchio si è abituato anche ad altri accenti. Così farà il tuo bambino.
  2. ti puoi aiutare con Natural Reader, un sito dove inserire il testo e ascoltare la pronuncia di un madrelingua

Alcuni consigli di lettura “testati”

Sono libri di inglese cartonati, adatti anche ai più piccoli, con dei bei colori e delle belle immagini che aiutano a catturare l’attenzione del bambino.

Ovviamente sono brevi per rispettare i suoi tempi di attenzione.

 

 

 

Counting kisses

È adatto ai più piccini. Vengono contati i baci dati alla piccola dalla mamma, dal papà, dalla nonna, dalla sorellina ecc. E mentre si legge “10 little kisses on teeny tiny toes”, si danno dieci bacini sulle dita dei piedi. Poi è la volta dei piedini con “9 laughing kisses on busy, wriggly feet” e così via finché si darà “one last kiss on your sleepy, dreamy head”

The biggest kiss

È la storia di un pinguino che riceve tanti baci e incontra tanti animali ed insetti. È raccontata in rima per cui ancora più musicale. Alla fine, il bacio più grande sarà quello della mamma pinguina.

Time for a bath

È la storia di un coniglietto che si sporca in varie situazioni, proprio come i nostri cuccioli. In cucina mentre aiuta la mamma, al mare giocando con la sabbia, al parco rotolandosi per terra. E ogni volta la mamma dice “è ora del bagnetto!”. È un buon metodo per abituare il bambino a farsi il bagnetto divertendosi.

Oi frog

È la storia di un gatto (un po’ antipatico) che dice alla rana dove sedersi: “oi frog, sit on a log!” (ovvero su un pezzo di legno). Ma la rana risponde che è scomodo e le schegge si infilano nel fondoschiena, quindi inizia una lunga trattativa. “Can’t I sit on a mat?”, “What about a chair?”, “Perhaps I could sit on a stool?” ecc.

Il libro termina con la povera rana che chiede su cosa si siedono i cani: “What do dogs sit on?”. Il libro è tutto in rima e la risposta è purtroppo …. “dogs sit on frogs”.

Poi magari comprate anche il seguito “Oi Dog”, dove ovviamente c’è la rivincita della rana che prende il comando e riassegna le posizioni! 🙂

Noah’s ark

Infine suggerisco Noah’s ark perché ha dei bei disegni. Il testo è minimale e i tanti animali cattureranno sicuramente l’attenzione del vostro bambino.

Per la pronuncia di alcune parole, vai sul sito di Wordreference e seleziona l’accento che più ti è familiare (britannico, americano, australiano…). Oppure prova NaturalReaders.com

Ti invito a leggere anche altri articoli sull’argomento, in particolare:

Per informazioni, commenti o suggerimenti, contattaci!

Al telefono: 0543 23916 (Forlì) – 0544 202061 (Ravenna).

Via e-mail: formazione@actionlineitaly.com

Su Skype: action_line

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *