Archivi tag: corsi per bambini

imparare il francese

Continua ad imparare il francese, l’inglese, lo spagnolo e il tedesco nella Giornata Europea delle Lingue

Il 26 settembre hai un’occasione in più per imparare il francese, l’inglese, lo spagnolo, il tedesco e tutte le lingue europee

In arrivo la Giornata Europea delle Lingue, un’iniziativa che vogliamo condividere con voi come stimolo in più per continuare a imparare il francese, l’inglese, lo spagnolo e tutte le lingue del nostro continente con rinnovato slancio.

 

Lo sapevi?

La Giornata Europea delle Lingue viene celebrata ogni anno il 26 settembre. È stata promossa e organizzata per la prima volta nel 2001 dal Consiglio d’Europa e dall’Unione Europea. Un vero e proprio successo che ha fatto sì che venisse celebrata da allora tutti gli anni.

A cosa serve la Giornata Europea delle Lingue

L’obiettivo è duplice:

  • promuovere le diversità linguistiche e culturali europee: ben 200 lingue europee tra cui 24 lingue ufficiali e circa 60 lingue regionali
  • promuovere l’apprendimento delle lingue durante tutto l’arco della vita, diversificando inoltre la gamma delle lingue imparate

È dunque un incoraggiamento ad imparare il francese, l’inglese, lo spagnolo, il tedesco e ogni altra lingua, ad ogni età, dentro e fuori dalla scuola.

Nella convinzione che la diversità linguistica è uno strumento per ottenere una migliore comprensione tra culture diverse e un elemento chiave che rende ricco culturalmente il nostro continente.

 

lavorare all'esteroEventi

In occasione della Giornata, un gran numero di eventi sono organizzati in tutta Europa.

Ad esempio, attività per e con i bambini, programmi televisivi e radiofonici, corsi di lingua e conferenze. Oltre a questo, chiunque può trovare il proprio modo personale di “festeggiare”.

Certo, perché tutti possono partecipare. Da soli o in gruppo. Attraverso una scuola o un’associazione, tra amici o vicini di casa. Ad ogni età. Ognuno può contribuire al successo della giornata.

Scarica il volantino della Giornata Europea delle Lingue e scopri di più!

 

Corsi di lingueCome partecipare

Oltre agli eventi ufficiali, si può dare spazio alla fantasia. Ecco alcuni input e suggerimenti.

Per imparare di più sulla diversità linguistica, puoi partecipare alle seguenti attività ricreative online per adulti e bambini:

  • Sul sito ufficiale della Giornata Europea delle Lingue trovi tante attività ludiche online 
  • Qui puoi svolgere un test di autovalutazione del tuo livello di conoscenza di una o più lingue straniere
  • Puoi leggere alcune interessanti curiosità linguistiche
  • Oppure, partecipare a dei quiz 

A scuola:

  • Sketch teatrali. Gli insegnanti possono sensibilizzare gli studenti organizzando sketch teatrali in cui si mettono in evidenza le diversità linguistiche e culturali della classe o della scuola di appartenenza
  • Poster sulla Giornata. Negli istituti scolastici o nei centri di apprendimento delle lingue si possono realizzare dei poster plurilingue sul tema della Giornata.

Con amici e conoscenti:

  • Scambi linguistici. Un’idea adatta a tutte le età è quella di organizzare dei “caffè delle lingue”, incontri di conversazione in lingua straniera. Si possono tenere in un locale pubblico o a casa. L’atmosfera rilassata e informale favorisce l’apprendimento in modo naturale e spontaneo
  • Cena o festa multietnica. Perché non cogliere l’occasione per organizzare una cena o una festa con amici? Ovviamente con cibi tipici e conversazione in più lingue
  • O anche solo invitare i vicini di casa di culture differenti per un tè in compagnia.

Hai altre idee o suggerimenti?

Inviaci i tuoi commenti e facci sapere come pensi di celebrare questo 26 settembre!

 

Forse non diventerai poliglotta da un giorno all’altro. In ogni caso la Giornata Europea delle Lingue è un’ottima occasione per allargare i propri orizzonti. E certamente sarà un’esperienza piacevole!

Ti può anche interessare:

 

Come trovare una ragazza alla pari: 2° parte

Guida pratica per scegliere tra tante ragazze alla pari

Tantissime sono le richieste delle ragazze alla pari che vogliono venire nel nostro paese.

Entrati a far parte di aupairworld.com vi si aprirà un mondo. Nel vero e proprio senso della parola. Scopri come funziona il sito nel mio precedente articolo.

In questo articolo:

Intervistando una ragazza inglese, ho chiesto “perché vuoi venire in Italia se non conosci la nostra lingua e non la studi nemmeno?”.

E lei candidamente ha risposto “chi non vorrebbe venire in Italia?”

E verranno anche se abiti in un paesino! Sbagliato pensare che sia meno invitante. I nostri standard sono diversi da quelli delle ragazze straniere.

Ricordo che parlavo con una ragazza americana che mi raccontava lo splendore di una campagna romagnola.

Prese dalla vita frenetica di una città grande, rivalutava infatti il contatto con la natura e la pace della campagna.

Questa foto di un capanno da pesca non è forse l’emblema della pace?

Come scrivere un buon profilo invitante?

Se lo scrivi in italiano, chi ha una consocenza base potrebbe non capire bene.

Meglio quindi scrivere l’annuncio in inglese. A meno che per te non sia fondamentale che la ragazza parli bene italiano.

Punta su frasi semplici e chiare.

Sottolinea i lati positivi della tua famiglia e della tua città.

Abiti in un piccolo centro? Sarà più facile conoscere persone ed integrarsi. Stare a contatto con la natura. Fare passeggiate e giri in bicicletta in campagna.

Abiti in una città? Ci sono tanti servizi e cose da visitare. Non necessariamente nella tua città, ma in quelle limitrofe.

Le ragazze alla pari sono solitamente abituate a muoversi con i mezzi pubblici. Bus, corriera o treno.

Scrivi a che distanza sono Roma, Venezia, Firenze o Milano. Sono città che chiunque vorrebbe visitare.

Metti una foto: il contatto sarà più immediato. Anche tu probabilmente sei più propenso a contattare chi nel profilo ha messo una foto.

Specifica bene cosa cerchi:

  • il periodo
  • gli orari
  • l’età di tuo figlio
  • le attività che dovrà svolgere con lui/lei

Quali domande fare alla ragazza?

ragazze alla pari

ragazze alla pari

Hai esperienza con bambini di xxx anni?

Chiedile se ha esperienza con bambini dell’età di tuo figlio e come trascorre il tempo con loro.

Sembra una domanda banale, ma non lo è. Se non hai esperienza di bambini piccoli, non sai magari che si divertono semplicemente a colorare o giocare con l’acqua in giardino.

Hai delle allergie?

Scontato, ma non troppo.

Dopo mezz’ora di video-chiamata e quasi certa di aver trovato quella giusta, ho scoperto che era allergica ai gatti. E io ho un gatto.

Sei fidanzata?

Se la prendi per un lungo periodo, chiedile se ha il fidanzato o che legame ha con la sua famiglia. Potrebbe sentire la mancanza ed essere più propensa ad “abbandonarvi”.

Ti paghi da sola il biglietto del viaggio?

Sii subito chiaro sulle spese del viaggio. Seppure puoi decidere di partecipare alle spese per l’acquisto del biglietto di ritorno, ricorda che non sei tenuto a pagarle il viaggio.

Alcune ragazze alla pari lo chiedono. E potrebbero metterla come condizione fondamentale per venire nella tua famiglia. A te la scelta.

Domande frequenti delle famiglie ospitanti (parte 1 e) parte 2

  • la ragazza alla pari viene solo in estate? >no. Ci sono tante ragazze che viaggiano tutto l’anno e possono venire da te quando vuoi.
  • c’è un periodo mimino o massimo di permanenza? >no. Lo decidi tu con la ragazza. Io ho trovato ragazze che volevano venire per 3 settimane e altre che volevano restare 12 mesi.
  • devo pagare il volo alla ragazza? >no. I costi sostenuti per raggiungerti sono a suo carico. Tuttavia viene consigliato di contribuire all’acquisto del volo di ritorno se il soggiorno è stato positivo.
  • per quante ore al giorno posso chiederle di stare con i bambini? > va stabilito in fase di colloquio e comunque prima che la ragazza arrivi in Italia. Indicativamente la ragazza dovrebbe trascorrere con i bambini 30 ore a settimana e ha diritto a 1 giorno libero.
  • a quanto ammonta la paghetta settimanale? >si concorda con la ragazza. Solitamente si parla di cifre tra 50 e 100 euro a settimana.
  • ci sono altri siti che mi permettono di trovare ragazze alla pari? >sì. Ma io ho usato questo personalmente e così altre persone che conosco. Mi sono fidata delle persone che me lo hanno consigliato. Io stessa sono rimasta molto soddisfatta. Ecco perché mi sento di consigliarlo. E non mi pagano per questo! Giuro!

 

Ultimo consiglio

Armati di pazienza!

Troverai ragazze con le idee poco chiare. Riceverai richieste anche da persone di nazionalità che non hai indicato nel tuo profilo. Ti scriveranno per proporsi per un periodo diverso da quello che ti serve. Ti contatteranno e poi…spariranno.

Io consiglio di chiarirsi bene le idee (leggi il mio primo articolo) e poi di rispondere serenamente “no”.

Non perderai delle opportunità. Eviterai di perdere tempo con profili che non corrispondono alla tua ricerca.

Con questo e il precedente articolo dovrei aver detto tutto. Ma se hai un dubbio, contattami. Ti aiuto con piacere, per quanto posso.

Beatrice Balducci

Beatrice Balducci

E la mia consulenza è gratuita!

marketing@actionlineitaly.com

tel. 0544 20 20 61

Skype: beatricebalducci

ragazza alla pari

Come trovare una ragazza alla pari: 1° parte

Questo è il modo migliore per trovare una ragazza alla pari

Io l’ho provato in prima persona e ho trovato la ragazza alla pari giusta per la nostra famiglia.

Il sito migliore è di una società tedesca: AuPairWorld GmbH con sede a Kassel in Germania.

Si chiama: www.aupairworld.com

 

Il sito è fatto molto bene ed è chiaro, ma magari per farti un’idea generale dovresti investire almeno un’ora del tuo tempo per capire come funziona.

Io ti do qualche dritta. Ti racconto la mia esperienza e ti dico gli errori da evitare. Così fai prima.

Prima chicca: l’iscrizione gratuita al sito non serve a molto se poi non la trasformi in iscrizione a pagamento, a partire da 39,90€ (leggi sotto).

Prima dell’iscrizione

È fondamentale chiarirsi le idee. Più chiaro è quello che cerchi e più facile sarà la ricerca.

  • di che nazionalità la cerchi?
  • quanto tempo deve rimanere?
  • la cerchi con esperienza?
  • deve avere la patente di guida?
  • cosa ti aspetti da lei?
  • deve conoscere l’italiano?
  • una ragazza o…. un ragazzo?
  • quanto tempo (e soldi) hai a disposizione per la ricerca?

Prima di rispondere, alcune considerazioni.

La nazionalità

Se il tuo obiettivo è l’inglese e vuoi un madrelingua, ricorda che oltre al Regno Unito puoi includere nella ricerca Irlanda, Stati Uniti, Canada, Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda.

Non sono ovviamente gli unici paesi in cui è lingua ufficiale, ma sicuramente sono quelli che io metterei in prima fila per la ricerca.

Anche in India parlano inglese, alle Barbados e in altri posti: ma io preferisco l’accento dei paesi che ho menzionato sopra.

Sono tante le ragazze straniere che si prendono un anno dopo gli studi per viaggiare per il mondo, quindi anche se di un paese lontano, potrebbe essere che la ragazza canadese o neo-zelandese sia già in Europa o in viaggio verso l’Europa.

Non pensare “è più facile trovarla da un paese vicino come l’Inghilterra”. Dipende da tanti fattori.

La durata del soggiorno

Se la ragazza ha indicato 1-12 mesi non significa necessariamente che vuole rimanere da te per un anno.

Semplicemente che è aperta ad un soggiorno medio-lungo.

Nulla vieta che rimanga da te per 1 mese o 1 mese e mezzo e poi si sposti in un’altra famiglia.

Uno dei primi obiettivi della ragazza alla pari è viaggiare e conoscere posti nuovi.

Esperienza

Tutte hanno esperienza di babysitteraggio o almeno il 99% di loro. Un fratello piccolo, la cuginetta, i figli dei vicini di casa.

Valuta però se possa essere per te importante che abbia esperienze come ragazza alla pari.

Vivere in un’altra famiglia, entrare a far parte di quel nucleo familiare, è diverso rispetto a fare la baby-sitter all’occorrenza.

Ha la patente di guida?

Se pensi che potresti aver bisogno che lei porti i figli a scuola o a danza, allora cercala con la patente di guida.

Ma ricorda anche che le ragazze straniere sono più abituate di noi ad usare i mezzi pubblici (anche se ce ne sono pochi nella tua zona/città).

Loro sono brave ad organizzarsi e per i tuoi figli potrebbe essere un’esperienza diversa.

Le tue aspettative

Ti serve un aiuto con i bambini e/o per le faccende domestiche? O vuoi sfruttare l’occasione per farli stare a contatto con una lingua straniera?

Nel primo caso, leggi bene i profili perché non tutte aiutano nelle faccende domestiche.

Se la ragazza alla pari è l’occasione per praticare una lingua, valuta bene la nazionalità. Diversamente andrà bene qualsiasi nazionalità, purché abbiate una lingua in comune di comunicazione.

Sa l’italiano?

Vuoi che la ragazza alla pari parli inglese con i tuoi figli, ma se loro non lo parlano e si esprimono solo in italiano, è buona cosa trovare una persona che conosca un po’ di italiano.

In questo modo, i tuoi figli verrebbero compresi e sarebbero meno frustrati. Soprattutto se sono piccoli.

Attenzione invece con i più grandicelli: potreste avere l’effetto contrario. Con la convinzione “tanto lei capisce quando parlo italiano” non si sforzeranno per parlare inglese.

Il ragazzo alla pari

Hai un figlio maschio?

Allora ti consiglio di provare con un ragazzo alla pari.

Si sta diffondendo anche tra i ragazzi l’idea di girare il mondo e incontrare nuove culture facendo il ragazzo alla pari.

Diventerebbe una sorta di fratello maggiore e probabilmente saprebbe coinvolgere tuo figlio meglio di una ragazza. Soprattutto se tuo figlio è già grandicello, dai 9 anni in su.

Avere un “maschio” con cui giocare a video-games o a calcio è più bello.

Tempo a disposizione

Ti sei mosso con anticipo e hai 3-4 mesi a disposizione. Ottimo! Fai le cose con calma.

Ricorda però che l’iscrizione costa in base alla durata.

Ipotizziamo che hai tre mesi a disposizione.

Sbirci tutti i profili dei nuovi iscritti, scambi e-mail, fai mille domande.

A proposito: puoi attivare l’alert e ricevere un’email da AuPairWorld che ti segnala le nuove iscrizioni che corrispondono ai tuoi criteri di ricerca. Lo consiglio vivamente!

Poi, selezionate le figure interessanti, fissi un colloquio via Skype e firmi il contratto con la ragazza alla pari che più ti ispira.

E se hai poco tempo? Puoi farcela ugualmente! L’abbonamento base per accedere al database e contattare gli iscritti è di 30 giorni (39,90€). Chiarisciti bene le idee (vedi sopra) e prendi l’attività seriamente. Collegati più volte al giorno, contatta solo chi corrisponde ai tuoi criteri e fissa video-chiamate su Skype.
Chi non accetta o procrastina la video-chiamata probabilmente non è veramente interessata.

Idee chiare?

Hai le idee chiare? O te le sei chiarite leggendo fino a qui? Allora sei pronto per il passo successivo. L’iscrizione. Puoi iniziare con l’iscrizione gratuita.

Cosa ti permette di fare l’iscrizione gratuita? Non molto a dire il vero.

Puoi cercare nel database di ragazze alla pari (del cognome vedrai solo l’iniziale), leggere i profili e mandare un messaggio standard di dimostrazione di interesse.

Non puoi personalizzare il messaggio e non puoi leggere l’eventuale risposta della ragazza. A quel punto scatta necessariamente l’iscrizione a pagamento.

39,90€ per un mese

69,90€ per tre mesi

129,90€ per un anno

Domande frequenti delle famiglie ospitanti

Parlando di ragazza alla pari con amici o clienti, mi sono sentita spesso fare le stesse domande. Le più frequenti sono:

  • devo avere una stanza solo per la ragazza alla pari? > sì, anche se alcune potrebbero accettare di dormire con tua figlia, la ragazza alla pari ha diritto ad una stanza solo per lei
  • devo pagarla? >sì, devi riconoscerle una paghetta settimanale da concordare prima dell’arrivo. Si va da 50 a 100 euro a settimana. Oltre a offrirle vitto e alloggio.
  • mi aiuta nelle faccende domestiche? > ni. Alcune sono disponibili, altre no. Lo vedi scritto nel loro profilo.
  • posso trovare una ragazza alla pari per mio figlio disabile? > sì. Nel profilo vedi scritto chiaramente se la ragazza è disponibile e ha esperienza nell’accudire bambini con disabilità.
  • posso avere una ragazza alla pari solo per un breve periodo? >sì. Ci sono ragazze che cercano anche per sole 2 settimane. Il modulo standard del sito parte da 1 mese, ma poi se spulci nel profilo puoi trovare scritto il periodo esatto in cui sono disponibili (es. dal 20 agosto al 15 settembre) oppure l’arco temporale (cerco per tre settimane).
  • la ragazza alla pari studia italiano? >non è detto. Alcune vogliono venire in Italia per praticare l’italiano, ma molte semplicemente perché l’Italia è un paese meraviglioso (soprattutto agli occhi degli stranieri!).
  • la ragazza alla pari viene solo d’estate? >no. Ci sono ragazze che viaggiano per un anno intero, spostandosi da un paese (o da un continente!) all’altro e da una famiglia all’altra.

 

Tutto chiaro fin qui? Bene.

Vuoi iscriverti e iniziare l’avventura?

Appuntamento al prossimo articolo per approfondire il tema e scoprire i passi successivi.

Beatrice Balducci

Beatrice Balducci

Se non vuoi aspettare e vuoi chiedermi subito cosa fare, no panic!

Scrivimi! Sarò felice di aiutarti in base alla mia esperienza!

marketing@actionlineitaly.com

beatricebalducci1975@gmail.com

tel. +39 0544 20 20 61

Imparare lo spagnolo

Spagnolo per bambini – partes del cuerpo

Imparare lo spagnolo sotto forma di giochi e passatempo

Corso di spagnolo

Corso di spagnolo

¿Estáis listos? Siete pronti bambini per imparare lo spagnolo con noi?

Ecco una nuova divertente lezione di spagnolo.

In questa lezione impareremo i nomi delle principali zone del nostro corpo, a cominciare dalla testa, la cabeza.

İ Vamos a empezar!

Actividad 1

Mira los dibujos y fíjate en los nombres de las zonas de tu cara (=viso). Luego intenta hacer el crucigrama ilustrado a continuación.

en_tu_cabeza

Clicca qui per scaricare il cruciverba e stamparlo.

crucigrama_ilustrado

Aquí tienes la Solución.

Actividad 2

Lee esta historieta y subraya los nombres de las partes del cuerpo de Javier.

en_el_medico_1

 

en_el_medico_2

Actividad 3

Ahora escribe correctamente los nombres de las partes del cuerpo en este dibujo.

Clicca qui per stampare la pagina.

partes_del_cuerpo

Aquí tienes la Solución.

Ahora que conoces los nombres de las partes del cuerpo, escucha esta canción y practíca.

Buon divertimento e …

… İHasta pronto!

 

Come sempre sono graditi commenti e suggerimenti! Ti ricordiamo i nostri contatti:

formazione@actionlineitaly.com

tel. 0543 23916 (sede di Forlì) oppure 0544 202061 (sede di Ravenna)

Skype: action_line

In alternativa, passa a trovarci nella ns. sede di Forlì in Via Dandolo 16/a, non lontano dal mercato coperto e dalla rotonda inclinata di Santa Chiara.

Ti posso interessare anche le precedenti lezioni:

Per i genitori, possono essere interessanti questi articoli:

Infine, se ti interessa fare un corso di spagnolo in Spagna, scrivici.

Abbiamo stretto una partnership con una scuola a Salamanca che offre corsi per ragazzi e adulti. Dicci cosa cerchi e ti daremo tutti i dettagli che ti servono. Per info: 0543 23916 oppure 0544 202061.

strumenti per le lingue

Spagnolo per bambini – la casa

Ecco la terza lezione per bambini per imparare lo spagnolo

Prosegue la rubrica rivolta ai più piccoli per imparare lo spagnolo con giochi e attività divertenti.

Ogni volta scegliamo appositamente un ambito lessicale specifico, in modo da facilitare l’apprendimento delle parole collegate ad un contesto particolare, come la scuola, la casa, gli animali, ecc.

Se vi sono sfuggite, ecco i link per accedere direttamente alle scorse attività e imparare lo spagnolo legato agli animali “LOS  ANIMALES” e alla scuola “LA ESCUELA“. Esercitatevi!!

Adesso, invece, ci eserciteremo sul lessico legato alla CASA.

la casa

¿Estáis listos? İVamos a empezar!

 

Actividad 1

Colorea los dibujos y lee las palabras de la casa.

Clicca qui per scaricare e stampare la pagina.

la_casaAhora relaciona las palabras con sus dibujos.

Clicca qui per scaricare e stampare la pagina.

relaciona_la_casa

Actividad 2

Encuentra las palabras de la casa en esta divertida Sopa de Letras.

sopa_de_letras

Clicca qui per scaricare e stampare la pagina.

Actividad 3

Haz estos ejercicios, luego mira en Solución.

ejercicioClicca qui per fare questo esercizio.

Scarica la soluzione

Un genitore ha espresso un dubbio lecito: “temo che mio figlio si confonda perché a scuola studia già inglese e a casa noi gli facciamo imparare lo spagnolo per bambini”.

Tranquilli. I bambini percepiscono queste attività come un gioco e un divertimento. Per loro non è una lezione di spagnolo. Per loro è un gioco diverso con parole “strane”. Parole che assomigliano all’italiano e sono anche semplici da ricordare.

Vi stupirete con che facilità ricordano le parole e sono in grado di riperterle.

Proporremo una lezione sui falsos amigos con un taglio specifico di spagnolo per bambini. Con l’aiuto di immagini, memorizzeranno che “burro” significa “asino” in spagnolo. Oppure che “vaso” indica il nostro “bicchiere”. Senza fatica, ma con immagini divertenti.

Si tratta di fatto di un gioco semplice come quello delle Memory cards per stimolare il bambino a collegare parole e immagine.

Continua a seguirci e indicaci le tue preferenze: cosa ti piacerebbe trattare nelle prossime lezioni?

Per i tuoi commenti e suggerimenti:

scrivi a formazione@actionlineitaly.com, oppure contattaci su Skype: action_line

o ancora chiamarci ai numeri 0543 23916 (Forlì) – 0544 202061 (Ravenna).

Potrebbero interessarti questi articoli:

 

 

Duolingo

Duolingo e Busuu, due app per le lingue a confronto

Come imparare una lingua con i corsi online di Duolingo e Busuu

Corsi di linguePerché Duolingo e Busuu?

È chiaro che con un’app non si può imparare tutto, ma per muovere i primi passi con una lingua straniera o anche per esercitarsi e ripassare quanto studiato in classe possiamo sfruttare i corsi online disponibili per smartphone e tablet.

Premesso che le app per le lingue non possono sostituire un corso di lingua in aula, esse rappresentano comunque una buona opportunità per continuare ad imparare nei ritagli di tempo.

Ormai tutti noi abbiamo sempre sott’occhio il telefono, quindi possiamo approfittare anche solo di 10 minuti “morti” per fare esercizio, ad esempio quando siamo in viaggio o in coda al supermercato.

Abbiamo testato per voi due tra le app più famose, Duolingo e Busuu.

 

 

DUOLINGO E BUSUU A CONFRONTO

  1. Valutazione generale
  2. Metodo di apprendimento
  3. Come sono suddivise le lezioni
  4. Tipologia di esercizi
  5. Progresso personale
  6. Pro e contro

 

  1. Valutazione generale

DUOLINGO

  • Si presenta un po’ come un gioco, con un’interfaccia semplice e intuitiva. Le immagini sono divertenti e accattivanti. Il gufetto mascotte di Duolingo ti accompagna nell’apprendimento.
  • È adatto a tutte le fasce d’età e specialmente a chi sta già imparando una lingua per ripassare e fare esercizio quotidianamente.
  • L’applicazione è completamente gratuita.

BUSUU

  • Ha un contenuto ricco e articolato, con un’ampia varietà di esercizi.
  • Consente un maggiore approfondimento della lingua straniera, ma richiede anche una maggiore disponibilità di tempo.
  • È gratuito, ma richiede di passare alla versione Premium, con un abbonamento mensile, se si desidera svolgere lezioni più approfondite.
  • È maggiormente adatto agli adulti.

 

2. Metodo di apprendimento

DUOLINGO

  • L’apprendimento si basa sulla ripetizione (uso di flashcard e audio di parole e frasi).
  • È interessante il fatto che gli esercizi non si limitano a quelli di scrittura, ma bisogna anche parlare!
  • È stimolante perchè ti fa guadagnare dei punti per le risposte corrette, mentre se sbagli perdi punti. I cuoricini e il contatore dello slancio ti motivano e ti fanno rimanere fedele all’apprendimento.

BUSUU

  • L’apprendimento si basa anche in questo caso sulla ripetizione di parole e frasi, con l’ausilio di flashcard e ascolto della pronuncia da parte di un madrelingua.
  • La cosa davvero interessante di questa app è che si può interagire con altri utenti. C’è infatti la possibilità di collegarsi con dei madrelingua in modo da affinare le proprie “tecniche” linguistiche, ottendendo il feedback dei propri esercizi e correggendo gli esercizi di altri utenti.

 

3. Come sono suddivise le lezioni

DUOLINGO

  • Prima di iniziare, l’applicazione ti offre un test per verificare il tuo livello.
  • Il corso è suddiviso in unità didattiche incentrate su argomenti molto semplici (es. la famiglia, gli animali, il cibo) e su nozioni basiche di grammatica (es. gli aggettivi, le preposizioni, i tempi verbali).
  • Le lezioni devono essere fatte in successione, si parte dalle basi e pian piano si arriva fino ai livelli più difficili.
  • È interessante il fatto che i più esperti possono “sbloccare” i contenuti per passare a lezioni successive superando un test (“Supera con esame”).
  • Le lezioni già svolte si possono ripetere in qualsiasi momento e, in aggiunta, ci sono esercizi di memoria che si possono fare per non scordare quello che si è appreso.

BUSUU

  • Il corso è suddiviso in unità didattiche raggruppate in livelli di apprendimento in linea con il Quadro Europeo di riferimento per l’apprendimento delle lingue (A1, A2, B1, B2).
  • Le lezioni sono divise per argomenti (es. la mia giornata, fare la spesa, andare in vacanza, cucina, ecc.) e offrono le nozioni necessarie a destreggiarsi in svariate situazioni concrete.
  • Le unità didattiche possono essere svolte anche non in ordine, ma a nostra scelta!

 

4. Tipologia di esercizi

DUOLINGO

  • Contiene esercizi autocorrettivi, sia scritti che orali, come esercizi di pronuncia, ascolto, traduzione e a scelta multipla.
  • Le attività sono brevi, semplici e ripetitive.
  • Gli esercizi non sono solo quelli scritti, ma bisogna anche parlare!
  • È simpatico e divertente il sistema di “sfidare gli amici” attraverso il punteggio.
  • Mancano dei veri e propri esercizi di scrittura per il consolidamento della capacità di espressione scritta.
  • Mancano le spiegazioni di grammatica.

BUSUU

  • Esercizi brevi ma efficaci, da fare durante una pausa al lavoro o in viaggio.
  • Il corso gratuito mette a disposizione esercizi di VOCABOLARIO, DIALOGO, SCRITTURA, BUSUUTALK (chat in cui si può scrivere o parlare con un madrelingua), REVISIONE.
  • Se si fanno degli errori in un esercizio bisogna ripetere l’esercizio fino a che non si ottiene il punteggio minimo richiesto (ad es. 8 su 9 punti). Solo così si può passare all’esercizio successivo all’interno dell’unità didattica.
  • Non offre una vera e propria grammatica, però man mano durante le lezioni  vengono mostrati dei CONSIGLI di grammatica.
  • È stimolante il fatto che gli esercizi di scrittura proposti verranno corretti da utenti madrelingua e anche voi potrete correggere gli altri!

 

5. Progresso personale

DUOLINGO

  • L’applicazione ti tiene costantemente aggiornato sui tuoi progressi mostrandoti la percentuale del tuo apprendimento in alto a destra nella schermata principale. Il “contatore dello slancio” ti dice quanto tempo hai dedicato all’apprendimento.

BUSUU

  • Il programma ti mostra la percentuale del tuo progresso personale.
  • Nella sezione “Il mio Vocabolario” si trova un riepilogo dei termini appresi e si possono fare dei test sulle lezioni svolte.

 

6. Pro e contro

DUOLINGO

Pro:

  • Gratis, divertente e coinvolgente, trasforma lo studio in un gioco.
  • Completamente gratuito

Contro:

  • Esercizi un po’ troppo ripetitivi. A volte le frasi proposte per esercitarsi sono un po’ assurde e poco sfruttabili in un contesto di vita reale.

BUSUU

Pro:

  • Ricco di contenuti, fa riferimento a situazioni concrete, ampia varietà di esercizI
  • Ti permette di interagire con utenti reali.

Contro:

  • Ti fa ascoltare la pronuncia corretta di parole e dialoghi ma non ci sono esercizi in cui ricevi un feedback sulla tua pronuncia.
  • Per sbloccare tutte le lezioni bisogna pagare un abbonamento.

 

Adesso che hai tutti gli elementi a disposizione puoi fare la tua scelta!

Noi continueremo a darti consigli: nel prossimo articolo dedicato alle app per imparare le lingue ti presenteremo il corso online di Aba English.

Stay tuned!

 

Continua a seguirci e mandaci i tuoi quesiti e commenti!

Di seguito i nostri contatti:

 

 

 

 

 

super pigiamini

Tutti pazzi per i Super pigiamini!

I Super pigiamini sbarcano in Italia ed è subito boom!

Chi ha un bambino di età compresa tra i 2 e i 6 anni conosce i Super Pigiamini in onda su Rai Yo-Yo.

Geco, Gufetta e Gattoboy sono gli eroi dei nostri bambini. Allora perché non sfruttare questa passione per insegnare inglese a tuo figlio?

Prendi spunto dal nostro articolo:

Introduzione

Super pigiamini

Super pigiamini

Partiamo dai nomi: Owlette, Gekko e Catboy

Tutti sanno che Cat significa Gatto. E gli altri nomi?

Owl (pronunciato “aul”) significa GUFO.

Gecko (pronunciato “ghecou”) significa GECO.

Se tuo figlio è piccolo (2-3 anni), guarda con lui un episodio in inglese.  A questa età sono rapiti dai colori e dall’azione.

Se il bambino è più grande, probabilmente vorrà vederlo in italiano. Allora ti suggerisco di comprare un libro (su Amazon si trovano a partire da 4 euro).

Attenzione però… troverete solo titoli in lingua originale. Sì, perché i Super Pigiamini su Amazon sono solo PJ Masks.

Io ho comprato “PJ MASKS MAKE FRIENDS!”

Esempi pratici

Usa dei post-it per segnarti il significato delle parole che non conosci (scarica il glossario – PJMasks make friends).

Racconta la storia in italiano, ma ogni tanto inserisci nel racconto qualche parola in inglese.

Prova così:

Amaya e Geco vogliono andare alla butterfly house.

Fai una pausa. In questo modo stimolerai il tuo bambino a provare ad indovinare o, se ha già sentito la storia in italiano, a dirti il corrispettivo “casa delle farfalle”.

Qui vicino svolazza una moth (e indichi nel libro la falena).

Catboy sta usando a small net per catturare le farfalle.

Non sottovalutare tuo figlio. Imparerà tantissimo!

Ti piace la nostra idea, ma ti senti poco sicuro del tuo inglese?

Abbiamo due sorprese per te!

Leggi il riassunto e impara le parole meno comuni.

Ecco la storia di PJ MASKS MAKE FRIENDS:

Connor, Greg e Amaya sono in visita allo zoo.

Amaya: “Io e Greg vogliamo vedere le farfalle”.

“Farfalle??? No! Sanno solo sbatter le ali. Io voglio vedere i felini, con i denti lunghi e gli artigli!” dice Connor facendo il verso dei leoni.

La nostra traduzione purtroppo si ferma qui. Sì, perché non vogliamo infrangere i diritti di autore.

Però, se anche tu hai comprato il libro, continua a leggere.

Riassunto

Quando i tre amici vanno alla casa delle farfalle, la trovano vuota. Una falena che vola vicino fa subito pensar loro che c’è lo zampino di Lunetta. Gufetta, Geco e Gattoboy entrano in azione.

Gattoboy usa le “maniere forti” e cattura le farfalle con un retino, strapazzandole. Gufetta e Geco sono contrari, ma Gattoboy non li ascolta.

Le farfalle però si coalizzano contro Gattoboy e lo fanno cadere rovinosamente a terra. È qui che Gattoboy capisce, grazie alle parole degli amici, che bisogna essere gentili.

Con un bel mazzo di fiori, Gattoboy conquista le farfalle che quindi abbandonano Lunetta. Così come era stata abbandondata dalle sue falene perché maltrattate.

E l’insegnamento è questo: being nice and gentle is how you make friends!

Glossario inglese-italiano

Ecco un elenco di parole che ci sembrano più difficili. Le trovi nell’ordine in cui appaiono nel libro.

Se invece preferisci un glossario in ordine alfabetico, scaricalo qui: glossario – PJMasks make friends.

swarm (verb) formare uno sciame
flap (verb) sbattere (in questo caso, sbattere le ali)
claws artigli
rough (pronunciato “raf”) brusco
disappointed deluso
butterfly house la casa delle farfalle
empty vuota
gone andate via
flutter (verb – sinonimo di flap) sbattere (le ali)
she must have taken deve aver preso
search for (verb) cercare
missing scomparse
right away subito
over there! laggiù
to match per adattarsi/abbinarsi
this is taking too long così ci vuole troppo tempo
complain (verb) lamentarsi
grab (verb) prendere, afferrare
a small net un retino
holes fori, buchi
zip (verb) sfrecciare, muoversi velocemente
shove (verb) (informale) cacciare, ficcare, infilare
zoom (verb – sinonimo di zip) sfrecciare
toward verso
shimmy (verb) scuotersi
shake (verb) scuotersi, tremare, vibrare
miserable triste
moth falena
measly misero, miserabile
sidekick aiutante
get rid of sbarazzarsi
swarm (verb)
trapped intrappolate
to the rescue in soccorso
they don’t like being caught a loro non piace essere prese
knock over (verb) rovesciare
useless inutili
…are right hanno ragione
leap up (verb) saltar su
gather (verb) raccogliere
bunch of flowers mazzo di fiori
 I’ve brought you vi ho portato
 land (verb) appoggiarsi
 left her – passato di leave  l’hanno abbandonata
side fianco

Learn English with the PJ Masks!

Se anche tu sei caduto involontariamente nel vortice dei Super Pigiamini, prendi spunto dal nostro articolo. Tuo figlio può imparare tante cose leggendo i libri in inglese o guardando gli episodi in lingua originale.

Clicca qui per visitare il sito ufficiale in italiano.

Per segnalazioni o commenti, scrivi a marketing@actionlineitaly.com oppure commenta questo articolo.

Duolingo

Programmi dei corsi di lingue

Cosa si studia nei nostri corsi di lingue?

Viene spontaneo chiedere “cosa si studia in un corso base di spagnolo?”, oppure “che argomenti vengono trattati in un corso intermedio di inglese?”.

Mi preme specificare che il vantaggio dei nostri corsi di lingue è che i contenuti sono personalizzabili in base al ruolo ricoperto in azienda e al settore di appartenenza. Inoltre il ritmo di lavoro varia quando si è in un gruppo o in un corso individuale.

Ci sono corsi che prevedono la formula blended, ovvero lezioni in aula e momenti di conversazione via skype, legati principalmente alla necessità di una estrema flessibilità di giorni e orari per adeguarsi agli spostamenti dei commerciali e – in secondo luogo – per ridurre i costi.

Per tutti i corsi di lingue è possibile usufruire gratuitamente delle attività preparatorie: in base al test di ingresso e al modulo delle esigenze linguistiche, è possibile consigliare allo studente tutta una serie di risorse e di attività da svolgere prima dell’avvio del corso, per arrivare più preparato e investire meglio il tempo trascorso in aula.

Puoi leggere di più nell’articolo dedicato: Arriva preparato al corso di inglese!

Prima dell’avvio del corso, viene chiesto di svolgere un breve test scritto e di compilare un’indagine delle esigenze linguistiche.

A titolo esemplificativo, riportiamo due programmi (Spagnolo base e Inglese intermedio) pensati per corsi di lingue di 30 ore, con incontri che variano dai 90 ai 120 minuti. Sono programmi generici, che vanno poi adattati in base ai partecipanti (livello di partenza e obiettivi).

CORSO BASE DI SPAGNOLO

Corso-Spagnolo

Obiettivi generali. Il corso mira a dare agli studenti la possibilità di:

  • comprendere e utilizzare espressioni di uso frequente in situazioni di vita quotidiana, come frasi semplici necessarie per soddisfare necessità di tipo immediato.
  • presentarsi e presentare a un’altra persona
  • chiedere e dare informazioni base sul luogo in cui vivete, la vostra famiglia e le persone che conoscete.
  • essere in grado di relazionarsi con il proprio interlocutore in modo semplice (quando questi dimostra di cooperare, esprimendosi lentamente e in modo chiaro)
  • saper utilizzare lo spagnolo per affrontare situazioni semplici e di uso quotidiano che richiedono uno scambio semplice e diretto di informazioni su temi di tutti i giorni, che si conoscono.

Contenuti

  • presentarsi e presentare altre persone
  • saluti formali e informali
  • descrivere persone e oggetti
  • esprimere stati d’animo
  • chiedere ora e data
  • fissare un appuntamento
  • offrire qualcosa a qualcuno
  • ordinare al bar/ristorante
  • chiedere informazioni stradali
  • chiedere informazioni di viaggio (es. orari del treno, cose da vedere ecc.)
  • gestire una semplice telefonata

Aspetti grammaticali

  • regole base di pronuncia
  • sostantivi: formazione del femminile e del plurale
  • gli articoli determinativi e indeterminativi
  • i numerali
  • presente indicativo dei verbi regolari e dei principali verbi irregolari
  • uso di muy e mucho
  • confronto ser/estar e hay/estar
  • aggettivi e pronomi dimostrativi
  • aggettivi e pronomi possessivi
  • le preposizioni: a, en de, desde, hasta, entre, por, para
  • verbi modali: poder, querer, tener que
  • participio passato e preterito perfecto (he comprado)
  • uso delle espressioni acabar de, estar + gerundio, ir + infinito

 

inglese per bambini

CORSO INTERMEDIO DI INGLESE

Obiettivi generali. Il corso mira a dare agli studenti la possibilità di:

  • ampliare il lessico e la fraseologia a loro disposizione
  • dare più sicurezza nell’esposizione orale
  • migliorare le capacità di ascolto
  • favorire padronanza e comprensione di dettagli e sfumature per una comunicazione corretta ed efficace

Contenuti

  • Presentare se stessi, la propria azienda e i prodotti
  • Partecipare ad una riunione: esprimere opinioni (accordo/disaccordo), interrompere, chiedere chiarimenti, fare delle proposte
  • Trattativa commerciale: linguaggio utile per la negoziazione, fare concessioni, trovare un punto di incontro su condizioni di pagamento, prezzo, consegna ecc.
  • Al telefono: fissare, posticipare e disdire appuntamenti; prendere un ordine, rispondere ad un sollecito o un reclamo
  • Corrispondenza: la scrittura efficace delle e-mail
  • Preparare una presentazione con supporti visivi, strutturarla utilizzando il linguaggio corretto, descrivere tendenze, relazionare su risultati/numeri, lanciare un nuovo prodotto
  • Social interaction: pranzi di lavoro, conversazioni informali, parlare del più e del meno, parlare di differenze culturali ecc.

Aspetti grammaticali

  • ripasso tempi verbali: present simple, present continuous, present perfect, past simple, past continuous, condizionale
  • periodo ipotetico
  • discorso indiretto
  • connettori
Beatrice Balducci

Beatrice Balducci

Per i programmi di altre lingue e altri livelli, contattatemi via e-mail scrivendo a formazione@actionlineitaly.com o telefonando al n° 0544.202061 (sede di Ravenna). In alternativa, chiamate lo 0543.23916 dove le mie colleghe della sede di Forlì sapranno darvi utili informazioni.

Lezione di tedesco, l'Avvento

Lezione natalizia di tedesco

I tedeschi sentono molto il Natale e si preparano con anticipo

Durante l’Avvento – ovvero le quattro settimane che precedono il Natale – è un susseguirsi di preparativi. Anche noi vogliamo entrare nel clima natalizio, proponendoti questa canzoncina in tedesco:

Advent, Advent,
ein Lichtlein brennt.
Erst ein, dann zwei,
dann drei, dann vier,
dann steht das Christkind vor der Tür.

Clicca qui per un video con sottotitoli in cui un madrelingua tedesco canta la filastrocca.

babbo-naltale-tedescoLa filastrocca tra le più conosciute e recitate in Germania tradotta dal tedesco all’italiano recita così:

Avvento, Avvento,
una luce splende,
prima una, poi due,
poi tre, poi quattro
e arriva Gesù davanti al nostro uscio.

Cosa troverai nel nostro articolo:

  1. cos’è l’Avvento in Germania
  2. glossario tedesco-italiano
  3. esercizi di vocabolario

1. L’avvento in Germania

In Germania, le famiglie sono solite cantare le canzoncine tradizionali (Adventslieder), radunati attorno alla coroncina di candele di Natale (Adventskranz).

Dal 27 novembre al 18 dicembre, nelle case tedesche aleggerà il profumo di cioccolata, cannella e spezie varie.

Per le mamme tedesche, c’è molto lavoro da fare.

Innanzitutto, la mamma provvede a preparare, stampare e rilegare un semplice libricino con i testi delle canzoni.
Infatti, ogni famiglia ha un libricino personale con i testi delle canzoni preferite!

Poi verrà ordinata oppure confezionata personalmente la corona dell’Avvento.

Anche questa è una questione particolarmente seria. Ci sono famiglie tradizionaliste che non rinuncerebbero mai al classico colore rosso. Altre più progressiste che amano intonarle ai colori della casa o cambiarle ogni anno. Alcune addirittura le pretendono nei colori ufficiali dello stemma del proprio Land (per la Baviera, per esempio, bianco e blu).

dolce-tedesco

Dolce tradizionale tedesco, der Weihnachtsstollen. Foto: Silvana Cigliano.

Tutto deve essere pronto per il 27 novembre! Compreso un profumato dolce fatto in casa o i biscotti tradizionali: gli Spekulatius (con zenzero e cannella) e i Lebkuchen (una specie di panpepato, rivestiti di cioccolato o meno, a seconda dei gusti).

Di solito, nel pomeriggio, all’ora del te o di una deliziosa cioccolata calda, viene accesa la prima candelina. La famiglia si riunisce e canta qualche canzoncina per creare la giusta atmosfera.

Immancabile il calendario dell’Avvento, comperato o fatto in casa. Ad ogni finestrella corrisponde una piccola leccornia, dolcetti, cioccolatini e caramelle.calendario-avvento

Il Natale tedesco non si concentra solo sul 25 dicembre.

Una tappa di avvicinamento si presenta il 6 dicembre, San Nicola.

Il corrispondente tedesco del Santa Claus anglosassone è der Heilige Nikolaus. Nella notte tra il 5 e il 6 dicembre porta doni ai bambini buoni: frutta secca e di stagione e cioccolata. I bambini cattivi invece ricevono reprimende da Knecht Ruprecht.  Questi si presenta come una figura barbuta e imbacuccata munita di sacco e bastone. Nel meridione della Germania e in Austria è anche chiamato Krampus.

Babbo Natale in Germania in realtà non trova grande riscontro.

Infatti, alla vigilia di Natale, è Gesù Bambino a portare i doni.

E l’albero di Natale è, di nuovo, una serissima faccenda da adulti.

Anche l’abete sarà stato scelto con cura secondo vari criteri personali dai genitori. Nel pomeriggio della vigilia di Natale di prassi, il salone in cui viene decorato l’albero è zona off limits per i piccoli di famiglia. Dovranno attendere il tintinnio di un campanellino che annuncia il passaggio di Gesù Bambino con i suoi doni.

Entrando, i bimbi troveranno l’albero in tutto il suo splendore e la miriade di pacchettini sottostanti.

2. Glossario tedesco-italiano

I sostantivi in tedesco possono essere femminili, maschili e neutri. Quindi, quando si impara una parola nuova è bene impararla con l’articolo che ne indica il genere. Rispettivamente sarà die (femminile), der (maschile), das (neutro). La parola Avvento, ad esempio, sarà ricordata come der Advent.
Si noti anche che tutti i sostantivi vanno scritti con la lettera maiuscola. Scriverli senza lettera maiuscola è un vero e proprio errore.

Advent, der avvento
Adventszeit, die (periodo dell’) avvento
Adventskranz, der Corona dell’avvento
Adentskalender, der Calendario dell’avvento
Süßigkeiten, die (pl.) dolciumi
Lebkuchen, der panpepato
Kekse, die (pl.) biscotti
Kerze, die Candela
Geschenk, das regalo
Lied, das / Liedchen, das Canzone / canzoncina
Christkindl, das Bambin Gesù
Weihnachten, das Natale
Weihnachtsbaum, der Albero di Natale
Weihnachtsabend, der Sera (della vigilia) di Natale
Kind, das (pl. Die Kinder) Bambino
Eltern, die genitori
Groß und Klein Grandi e piccini
Frohe Weihnachten Buon Natale
Glühwein, der Vino caldo speziato
Spekulatius, der Biscotti tipici

 

3. Esercizi

(A) Esercizio a scelta multipla.

Alle Jahre wieder

Alle Jahre wieder,
kommt das Christuskind
auf der / die / dem Erde nieder,
wo wir Menschen ist / waren / sind.

Kehrt mit / auf / zu seinem Segen
ein in jedes Haus,
geht auf allen Wegen
mit uns ein und aus.

Ist auch mir zur Seite
still und unerkannt,
dass es treu mich leite
an die / das / der lieben Hand.

Wilhelm Hey (1837) Weise: Friedrich Silcher (1842)

Di seguito riportiamo la traduzione tedesco-italiano per facilitarvi nella comprensione:

Tutti gli anni

Tutti gli anni,
Gesù Bambino
ridiscende sulla terra
da noi uomini.

Entra in ogni casa,
portando la sua benedizione,
attraversa con noi
tutte le strade.

Rimane anche al mio fianco,
silente ed in segreto,
per condurmi fedelmente,
tenendomi con la sua cara mano.

palle-di-natale

(B) Esercizio di completamento. Inserisci la parola mancante.

Kurzgeschichte des Adventskalenders

…….  Adventszeit durch wird viele Bräuche und Sitten so gestaltet, um den Kindern …… Warten auf den Heiligen Abend zu versüßen.
Etwa zur Jahrhundertwende vom 19. …… 20. Jahrhundert …….. dann auch ein Brauch eingeführt, der …. Kindern dabei helfen sollte, die Zeit bis zum Heiligen Abend besser abschätzen zu können. – Die ersten Adventskalender eroberten die Wohnungen. In den einfachen Arbeitshäusern stellte sich dieser meist sehr simple aber dennoch effektiv dar. Wurden doch oft nur 24 Kreidestriche an die Tür gemalt, von denen die Kinder an jedem …… einen entfernen durften. Daneben soll es auch Adventskalender mit 24 Blättern zum Abreißen, Kerzen mit 24 Markierungen oder lange Papierstreifen, die jeden Tag ein Stück verkürzt wurden, gegeben haben. Auch erste Adventskalender mit Naschwerk gab es bereits. – Sie bestanden aus Stoff auf denen 24 Lebkuchen angebracht werden, wovon jeden Tag einer gegessen werden durfte.

Di nuovo, per facilitarvi, inseriamo di seguito la traduzione tedesco-italiano.

Breve storia del calendario dell’avvento

Il tempo dell’avvento viene organizzato in maniera tale da addolcire ai bambini l’attesa della Santa Notte. A cavallo tra il XIX e XX secolo, fu introdotta una tradizione per i bambini, affinché potessero meglio calcolare il tempo che li divideva dal Natale. I primi calendari dell’avvento conquistarono le case. Nelle semplici case operaie, la cosa fu organizzata in maniera essenziale, ma efficace. A volte venivano fatti solo 24 segni col gesso sulla porta, dai quali i bambini ogni giorno ne spuntavano uno. Parallelamente pare che ci fossero anche calendari dell’avvento con 24 fogli da strappare uno a uno, candele con 24 tacche o lunghe strisce di carta, da accorciare ogni giorno di un pezzetto. C’erano anche già i primi calendari dell’avvento con cose da spiluccare: erano fatti di stoffa sulla quale erano fissati 24 dolcetti di panpepato, dei quali era permesso mangiarne uno al giorno.

Clicca qui per scaricare le soluzioni degli esercizi.

Se ti interessano altri articoli sull’apprendimento del tedesco, puoi leggere anche:

Se ti piacerebbe fare un corso all’estero, leggi le proposte dei nostri partner. Puoi scegliere tra diverse mete: Berlino, Francoforte, Monaco di Baviera, Amburgo o Bamberga.

Contattaci per maggiori informazioni senza impegno. Come?

Corso di spagnolo

Corso di spagnolo per tutta la famiglia

Fai un corso di spagnolo insieme ai tuoi figli

A volte la nostra vita frenetica ci lascia pochi spazi per trascorrere del tempo con i nostri figli e a volte non è facile trovare qualcosa da fare tutti insieme, ancora di più se i figli sono adolescenti.

Hai mai pensato ad un corso di spagnolo?corso spagnolo

10 BUONI MOTIVI per fare un corso di spagnolo per tutta la famiglia

  1. lo spagnolo è una delle lingue più parlate al mondo.
  2. nessuno in famiglia conosce lo spagnolo quindi sono tutti sullo stesso livello.
  3. lo spagnolo è vicino all’italiano quindi è orecchiabile.
  4. molte canzoni in voga sono in spagnolo e la musica potrebbe essere un buon campo di incontro tra genitori e figli.
  5. i primi risultati si ottengono in fretta e questo dà motivazione.
  6. se volete organizzare la prossima vacanza in Spagna o in un paese del Centro o Sud America e non volete arrivare impreparati. Considerate infatti che l’inglese non è molto conosciuto quindi non fate affidamento su quello per ordinare o chiedere indicazioni stradali.
  7. il costo è contenuto e se volete allargare l’invito al vostro zio preferito o alla zia appassionata di spagnolo, saranno i benvenuti!
  8. il programma è personalizzabile e sarete voi a dirci se ci sono aspetti che vi interessano più di altri.
  9. la parola chiave è flessibilità perché giorni e orari possono essere concordati di volta in volta con la docente.
  10. ….le nostre insegnanti di spagnolo sono SUPER!

Corsi di inglese per famiglieTi abbiamo incuriosito?

Se hai domande o vuoi ricevere maggiori dettagli senza impegno, scrivi a formazione@actionlineitaly.com oppure chiamaci: 0543 23916 0544 202061

Puoi anche scaricare gratuitamente del materiale pensato per i più piccoli. La sezione Spagnolo per bambini contiene due articoli: los animales e la escuela. Continueremo costantemente ad aggiungere materiale. Continua a seguirci!

E se non vuoi perderti neanche una novità, iscriviti alla ns. newsletter inserendo il tuo indirizzo nell’apposito spazio che trovi a destra.