Archivi tag: tedesco

Traduttore italiano tedesco

Lo scivolone di un traduttore italiano-tedesco

Il traduttore che ha fatto un passo falso

Il turismo italiano ha fatto una figura barbina all’estero a causa della leggerezza di un traduttore italiano-tedesco.

Un ente di promozione turistica fruilana ha acquistato una serie di uscite pubblicitarie sul Kleine Zeitung, il principale quotidiano della Carinzia, per promuovere il turismo invernale in Friuli-Venezia Giulia.

Ma invece di esaltare le bellezze del territorio, ha finito per fare una figuraccia. Nella traduzione italiano-tedesco della pubblicità c’erano evidenti strafalcioni ed errori sintattici.

Clicca qui per leggere l’articolo apparso nella stampa locale.

La “scivolata” dell’ente di promozione turistica regionale non è passata inosservata. È stato evidente sin da subito che il testo era stato tradotto parola per parola.  Non di certo da un traduttore italiano-tedesco professionista.

Quello che c’è scritto non ha proprio alcun senso per un madrelingua tedesco. Sembrano piuttosto parole piazzate qua e là.

Uscita pubblicitaria in tedesco sul Kleine Zeitung con relativa traduzione in italiano

Nell’immagine sopra si leggono a sinistra il testo dell’inserzione così come è apparso; a destra una traduzione di servizio in italiano per darvi un’idea di cosa capirebbe un lettore tedesco. Il breve testo suona più o meno così:

«Paesaggi intimi e un silenzio quasi irreale che tutti attraversano la neve la quale incornicia le montagne dell’Fvg. Escursioni con gli sci offre questa semplice, ma esclusiva attrazioni per coloro i quali, che sono in contatto con un’autentica natura vogliono mantenere ed esso con zero conseguenze su ambiente».

Un traduttore madrelingua tedesco interpellato ha commentato a questo proposito: “Un nostro bambino delle elementari verrebbe bocciato se si esprimesse in questa maniera in tedesco”. E ancora: “È scritto così male che è persino difficile da correggere”.

Talvolta è più complicato correggere una traduzione fatta male. Conviene piuttosto rifarla daccapo!

Ci è sembrato utile riportare questo caso recente perché è emblematico di quello che può succedere quando si affronta l’ambito della traduzione con superficialità. Il sospetto, in questo caso, è che sia stato usato un traduttore italiano-tedesco online per la stesura del pezzo.

Traduttore italiano-tedesco

Traduttore italiano-tedesco

I traduttori online possono servire per capire a grandi linee cosa c’è scritto in un documento.

Difficilmente potranno essere uno strumento valido per tradurre frasi complesse e testi articolati. Ancor più quando si tratta testi di natura pubblicitaria.

Il testo pubblicitario o lo slogan devono “suonare” bene e naturali per il lettore madrelingua. Non si devono percepire come traduzioni da un’altra lingua.

E poi devono essere accattivanti, sfruttando magari giochi di parole.

Come l’azzeccatissimo slogan della suddetta pubblicità: Your time is [S]NOW!

L’unica soluzione è affidarsi da un traduttore italiano-tedesco professionista.

Risparmiare oggi può significare pagare di più domani. Non solo in termini economici, ma anche di immagine.

Il direttore marketing si è giustificato dicendo che “la fretta [NdA e il budget] ha giocato un brutto scherzo”.

Sai il tedesco? Di la tua sulla traduzione del breve annuncio pubblicitario.

È vero che il testo è incomprensibile o hanno voluto esagerare?

Facci conoscere la tua idea!

Puoi commentare questo articolo oppure scriverci in privato a marketing@actionlineitaly.com

Lezioni di tedesco

Lezione di tedesco …in maschera!

Al Carnevale in Germania per una lezione di tedesco speciale

Il successo dell’articolo sul periodo dell’Avvento in Germania ci ha fatto capire che c’è interesse verso il tedesco. E anche verso usi, costumi e tradizioni dei nostri vicini.

Allora oggi parliamo di Carnevale. Sì, perché il carnevale a Colonia è una cosa seria!

Anche i compunti tedeschi festeggiano il carnevale, sebbene non in tutte le regioni! E lo fanno proprio di gusto e con piacere. Canti, balli e travestimenti con immancabili fiumi di birra!

Parliamo dei Länder renani Nordrhein-Westfalen e Rheinland-Pfalz. Per capirci: a ovest karnevaldella Germania, al confine con la Francia, nelle città di Colonia, Düsseldorf e Magonza.

Qui il carnevale si chiama Karneval. Nella Germania meridionale, in Austria e in Svizzera il carnevale viene chiamato Fasching o Fastnacht.

Cosa troverai nel nostro articolo?

  1. un po’ di curiosità sul Carnevale
  2. come si svolge il Carnevale
  3. la lezione di tedesco legata alle parole del Carnevale
  4. un esercizio (livello intermedio)

Un po’ di curiosità

L’articolo inizia con un po’ di curiosità…non solo linguistiche.

La parola Fastnacht combina il verbo fasten (digiunare) e il sostantivo Nacht (notte). Il Carnevale precede infatti il periodo di digiuno, ossia la quaresima.

In molti paesi europei ci si maschera e si organizzano rumorosi cortei in strada. È il modo di esprimere la voglia di porre fine al lungo inverno. Ma anche incutere paura agli spiriti maligni che possono minacciare i raccolti. E svegliare gli spiriti benigni della primavera.

Il periodo carnevalesco, secondo la tradizione renana, comincia ufficialmente l’11 novembre (11.11. “Elften im Elften”) alle ore 11:11. È addirittura considerata la quinta stagione dell’anno: “die fünfte Jahreszeit”.

Questa tradizione è legata a doppio filo con la festa di San Martino.

La festa di San Martino cade il giorno 11 novembre e metteva fine all’anno “contadino”. Si faceva festa stappando il vino nuovo e facendo banchetti. Seguiva in genere un periodo simile a quello del digiuno quaresimale, prima di arrivare alle festività natalizie.

Probabilmente, l’altro termine usato per indicare il carnevale, ossia Fasching, deve la propria terminologia a questa usanza.

Deriverebbe dal composto Fastenschank, che combina analogamente il verbo fasten, digiunare, al sostantivo Schank che significa mescita.karneval-2

Come si svolge il Carnevale

In Renania, gli eventi prendono il via l’11 novembre. Proseguono fino a Altweiberfastnacht, ossia il giovedì grasso precedente il mercoledì delle ceneri.

Letteralmente Altweiberfastnacht significa “notte di digiuno delle donne vecchie”. La giornata del giovedì grasso è di fatto dedicata alle donne in generale, sia anziane sia giovani.

In quella giornata si mascherano, hanno il pieno comando e possono “punire” gli uomini tagliando loro la cravatta.

Di contro, incontrando un uomo al quale sia stata “mozzata” la cravatta, le donne sono autorizzate a distribuire baci consolatori.

La tradizione renana prevede l’elezione di un consiglio (Elferrat). Composto da undici membri, ha il compito di pianificare e organizzare le manifestazioni carnevalesche.

Far parte di questo consiglio è ritenuto un grande onore. Durante le sue riunioni si canta nel tipico dialetto di Colonia, detto Kölsch, si balla e si fanno discorsi.

ll momento clou di ciascuna riunione consiste nell’arrivo della triade, Dreigestirn. Composta da tre personaggi, viene proclamata agli inizi di gennaio.

È formata dal principe (Prinz), dal contadino (Bauer) e dalla vergine (Jungfrau).

Der Prinz è l’eroe e il re del carnevale e sfila sul carro più sontuoso.

Der Bauer è il simbolo della forza difensiva della città di Colonia. È il custode delle chiavi della città e porta con sé l’arnese per trebbiare.

karneval-3Die Jungfrau incarna l’inespugnabilità della città di Colona. Le mura turrite che la difendevano sono riprese infatti nei motivi della corona d’oro che porta in testa. Dall’altro lato porta uno specchio, simbolo della vanità femminile.

Il compito della triade è talmente di responsabilità che fino a carnevale gli eletti si mettono in ferie non retribuite per adempiere ai compiti previsti dal loro ruolo.

Quindi, dal giovedì grasso Altweiberfastnacht fino a Fastnachtsdienstag, martedì grasso, la città di Colonia è “chiusa per Carnevale”. Letteralmente! Persino scuole e università chiudono i battenti.

Di giorno e di notte si può incontrare gente travestita, c’è musica nelle strade e le birrerie sono affollate.

L’apice del carnevale è rappresentato dal corteo del lunedì grasso, Rosenmontag. Dai carri si lanciano caramelle e dolciumi sulla folla. Non mancano gruppi di maschere a piedi e bande. E ovviamente i carri della triade.

Curioso vedere dei picchetti di guardie in uniforme. Ricordano ironicamente la ritirata delle truppe francesi nell’anno 1823 e sfoggiano rose nelle canne dei fucili.

Annualmente, le manifestazioni carnevalesche attirano due milioni di visitatori nella città del duomo. Analogamente alla tradizione artigianale italiana tramandata a Viareggio, Fano o Putignano, anche qui molti appassionati lavorano alla realizzazione dei carri durante quasi tutto l’anno precedente la manifestazione.

Le parole del Carnevale

La nostra lezione di tedesco di oggi si concentra sul vocabolario. Le parole in tedesco sono spesso composte. Il nostro articolo sul Carnevale ce ne ha fatte incontrare tante.

Ricorda che in tedesco i sostantivi hanno sempre la lettera maiuscola.

Studiamole insieme.

Carnevale = Fastnacht. La parola combina il verbo fasten (digiunare) + il sostantivo Nacht (notte).

Quaresima = Fastenzeit. Letteralmente tempo del digiuno. La parola combina il verbo fasten (digiunare) + Zeit (tempo).

Stagione dell’anno = Jahreszeit. Jahr (anno) + Zeit (tempo/periodo di tempo)

Triade = Dreigestirn. La parola è composta dal numero drei (3) + Gestirn (astro).

Giovedì grasso = Altweiberfastnacht. Letteralmente “notte di digiuno delle donne vecchie”. Come in inglese, si può provare a tradurre partendo dalla fine della parola.

Nacht (notte) + fasten (digiunare) + Weib (donna) + alt (vecchio)

Martedì grasso = Fastnachtsdienstag. Letteralmente “martedì prima della notte del digiuno”. Si compone del verbo fasten (digiunare) + Nacht (notte) + Dienstag (martedì).

Lunedì grasso = Rosenmontag. I fratelli Grimm nel loro Vocabolario di tedesco vi leggono la combinazione di “rasender Montag”, letteralmente “lunedì indemoniato/furioso”. Forse perché vigilia del periodo quaresimale durante la quale si poteva ancora per poco indulgere nei bagordi e nei divertimenti.

Mercoledì delle ceneri = Aschermittwoch. La parola è composta da Mittwoch (mercoledì) + Asche (cenere).

A questo punto, avrete la curiosità di conoscere anche gli altri giorni della settimana. Ve li elenchiamo.Lezione di tedesco

Lunedì Montag
Martedì Dienstag
Mercoledì Mittwoch
Giovedì Donnerstag
Venerdì Freitag
Sabato Samstag
Domenica Sonntag

“Tag” è la parola che traduce “giorno”

Se sei stato in Germania, ti ricorderai il saluto “Guten Tag“. Corrisponde al nostro “Buongiorno”.

Oppure avrai sentito “Guten Morgen“. Un’espressione simile alla precedente. La parola “Morgen” corrisponde al nostro “mattino”.

SEGUICI!
Stiamo preparando una lezione di tedesco dedicata al frasario per i viaggi.
Oltre ai saluti, troverai altre frasi utili da conoscere per fare una vacanza dove si parla tedesco.

Esercizio (livello intermedio)

Rispondi alle domande e inviacele a formazione@actionlineitaly.com
La nostra insegnante di tedesco correggerà le prime 10 ricevute.

Fragen zum Thema Karneval

1) Ist „Karneval“ das einzige Wort auf Deutsch, um dieses Fest zu bezeichnen?
 Il termine „Karneval“ è l’unico possibile in tedesco per descrivere questa festa?

2) In welchem Land und insbesondere in welcher Stadt wird Karneval besonders tief gefühlt und gefeiert?
In quale regione e in quale città, nella fattispecie, il carnevale è particolarmente sentito e festeggiato?

3) Welche Figuren bilden das Dreigestirn?
Quali figure compongono la triade?

4) An welchem Termin beginnt die Karnevalssession?
In quale data comincia la sessione carnevalesca?

5) Wann endet der Karneval genau?
Esattamente quando termina il periodo carnevalesco?


ADESSO TOCCA A TE!

Non ti resta che comprare un Karnevalskostüm! Verklaide Dich e prendi parte al Karnevalszug!

Non conosci queste parole? Cercale on line. A noi piace il Pons.

Se vuoi organizzare il tuo viaggio, prova a guardare nel sito ufficiale della città di Colonia.

Per info o segnalazioni: 0543 23916 – 0544 202061 – formazione@actionlineitaly.com

Lezione di tedesco, l'Avvento

Lezione natalizia di tedesco

I tedeschi sentono molto il Natale e si preparano con anticipo

Durante l’Avvento – ovvero le quattro settimane che precedono il Natale – è un susseguirsi di preparativi. Anche noi vogliamo entrare nel clima natalizio, proponendoti questa canzoncina in tedesco:

Advent, Advent,
ein Lichtlein brennt.
Erst ein, dann zwei,
dann drei, dann vier,
dann steht das Christkind vor der Tür.

Clicca qui per un video con sottotitoli in cui un madrelingua tedesco canta la filastrocca.

babbo-naltale-tedescoLa filastrocca tra le più conosciute e recitate in Germania tradotta dal tedesco all’italiano recita così:

Avvento, Avvento,
una luce splende,
prima una, poi due,
poi tre, poi quattro
e arriva Gesù davanti al nostro uscio.

Cosa troverai nel nostro articolo:

  1. cos’è l’Avvento in Germania
  2. glossario tedesco-italiano
  3. esercizi di vocabolario

1. L’avvento in Germania

In Germania, le famiglie sono solite cantare le canzoncine tradizionali (Adventslieder), radunati attorno alla coroncina di candele di Natale (Adventskranz).

Dal 27 novembre al 18 dicembre, nelle case tedesche aleggerà il profumo di cioccolata, cannella e spezie varie.

Per le mamme tedesche, c’è molto lavoro da fare.

Innanzitutto, la mamma provvede a preparare, stampare e rilegare un semplice libricino con i testi delle canzoni.
Infatti, ogni famiglia ha un libricino personale con i testi delle canzoni preferite!

Poi verrà ordinata oppure confezionata personalmente la corona dell’Avvento.

Anche questa è una questione particolarmente seria. Ci sono famiglie tradizionaliste che non rinuncerebbero mai al classico colore rosso. Altre più progressiste che amano intonarle ai colori della casa o cambiarle ogni anno. Alcune addirittura le pretendono nei colori ufficiali dello stemma del proprio Land (per la Baviera, per esempio, bianco e blu).

dolce-tedesco

Dolce tradizionale tedesco, der Weihnachtsstollen. Foto: Silvana Cigliano.

Tutto deve essere pronto per il 27 novembre! Compreso un profumato dolce fatto in casa o i biscotti tradizionali: gli Spekulatius (con zenzero e cannella) e i Lebkuchen (una specie di panpepato, rivestiti di cioccolato o meno, a seconda dei gusti).

Di solito, nel pomeriggio, all’ora del te o di una deliziosa cioccolata calda, viene accesa la prima candelina. La famiglia si riunisce e canta qualche canzoncina per creare la giusta atmosfera.

Immancabile il calendario dell’Avvento, comperato o fatto in casa. Ad ogni finestrella corrisponde una piccola leccornia, dolcetti, cioccolatini e caramelle.calendario-avvento

Il Natale tedesco non si concentra solo sul 25 dicembre.

Una tappa di avvicinamento si presenta il 6 dicembre, San Nicola.

Il corrispondente tedesco del Santa Claus anglosassone è der Heilige Nikolaus. Nella notte tra il 5 e il 6 dicembre porta doni ai bambini buoni: frutta secca e di stagione e cioccolata. I bambini cattivi invece ricevono reprimende da Knecht Ruprecht.  Questi si presenta come una figura barbuta e imbacuccata munita di sacco e bastone. Nel meridione della Germania e in Austria è anche chiamato Krampus.

Babbo Natale in Germania in realtà non trova grande riscontro.

Infatti, alla vigilia di Natale, è Gesù Bambino a portare i doni.

E l’albero di Natale è, di nuovo, una serissima faccenda da adulti.

Anche l’abete sarà stato scelto con cura secondo vari criteri personali dai genitori. Nel pomeriggio della vigilia di Natale di prassi, il salone in cui viene decorato l’albero è zona off limits per i piccoli di famiglia. Dovranno attendere il tintinnio di un campanellino che annuncia il passaggio di Gesù Bambino con i suoi doni.

Entrando, i bimbi troveranno l’albero in tutto il suo splendore e la miriade di pacchettini sottostanti.

2. Glossario tedesco-italiano

I sostantivi in tedesco possono essere femminili, maschili e neutri. Quindi, quando si impara una parola nuova è bene impararla con l’articolo che ne indica il genere. Rispettivamente sarà die (femminile), der (maschile), das (neutro). La parola Avvento, ad esempio, sarà ricordata come der Advent.
Si noti anche che tutti i sostantivi vanno scritti con la lettera maiuscola. Scriverli senza lettera maiuscola è un vero e proprio errore.

Advent, der avvento
Adventszeit, die (periodo dell’) avvento
Adventskranz, der Corona dell’avvento
Adentskalender, der Calendario dell’avvento
Süßigkeiten, die (pl.) dolciumi
Lebkuchen, der panpepato
Kekse, die (pl.) biscotti
Kerze, die Candela
Geschenk, das regalo
Lied, das / Liedchen, das Canzone / canzoncina
Christkindl, das Bambin Gesù
Weihnachten, das Natale
Weihnachtsbaum, der Albero di Natale
Weihnachtsabend, der Sera (della vigilia) di Natale
Kind, das (pl. Die Kinder) Bambino
Eltern, die genitori
Groß und Klein Grandi e piccini
Frohe Weihnachten Buon Natale
Glühwein, der Vino caldo speziato
Spekulatius, der Biscotti tipici

 

3. Esercizi

(A) Esercizio a scelta multipla.

Alle Jahre wieder

Alle Jahre wieder,
kommt das Christuskind
auf der / die / dem Erde nieder,
wo wir Menschen ist / waren / sind.

Kehrt mit / auf / zu seinem Segen
ein in jedes Haus,
geht auf allen Wegen
mit uns ein und aus.

Ist auch mir zur Seite
still und unerkannt,
dass es treu mich leite
an die / das / der lieben Hand.

Wilhelm Hey (1837) Weise: Friedrich Silcher (1842)

Di seguito riportiamo la traduzione tedesco-italiano per facilitarvi nella comprensione:

Tutti gli anni

Tutti gli anni,
Gesù Bambino
ridiscende sulla terra
da noi uomini.

Entra in ogni casa,
portando la sua benedizione,
attraversa con noi
tutte le strade.

Rimane anche al mio fianco,
silente ed in segreto,
per condurmi fedelmente,
tenendomi con la sua cara mano.

palle-di-natale

(B) Esercizio di completamento. Inserisci la parola mancante.

Kurzgeschichte des Adventskalenders

…….  Adventszeit durch wird viele Bräuche und Sitten so gestaltet, um den Kindern …… Warten auf den Heiligen Abend zu versüßen.
Etwa zur Jahrhundertwende vom 19. …… 20. Jahrhundert …….. dann auch ein Brauch eingeführt, der …. Kindern dabei helfen sollte, die Zeit bis zum Heiligen Abend besser abschätzen zu können. – Die ersten Adventskalender eroberten die Wohnungen. In den einfachen Arbeitshäusern stellte sich dieser meist sehr simple aber dennoch effektiv dar. Wurden doch oft nur 24 Kreidestriche an die Tür gemalt, von denen die Kinder an jedem …… einen entfernen durften. Daneben soll es auch Adventskalender mit 24 Blättern zum Abreißen, Kerzen mit 24 Markierungen oder lange Papierstreifen, die jeden Tag ein Stück verkürzt wurden, gegeben haben. Auch erste Adventskalender mit Naschwerk gab es bereits. – Sie bestanden aus Stoff auf denen 24 Lebkuchen angebracht werden, wovon jeden Tag einer gegessen werden durfte.

Di nuovo, per facilitarvi, inseriamo di seguito la traduzione tedesco-italiano.

Breve storia del calendario dell’avvento

Il tempo dell’avvento viene organizzato in maniera tale da addolcire ai bambini l’attesa della Santa Notte. A cavallo tra il XIX e XX secolo, fu introdotta una tradizione per i bambini, affinché potessero meglio calcolare il tempo che li divideva dal Natale. I primi calendari dell’avvento conquistarono le case. Nelle semplici case operaie, la cosa fu organizzata in maniera essenziale, ma efficace. A volte venivano fatti solo 24 segni col gesso sulla porta, dai quali i bambini ogni giorno ne spuntavano uno. Parallelamente pare che ci fossero anche calendari dell’avvento con 24 fogli da strappare uno a uno, candele con 24 tacche o lunghe strisce di carta, da accorciare ogni giorno di un pezzetto. C’erano anche già i primi calendari dell’avvento con cose da spiluccare: erano fatti di stoffa sulla quale erano fissati 24 dolcetti di panpepato, dei quali era permesso mangiarne uno al giorno.

Clicca qui per scaricare le soluzioni degli esercizi.

Se ti interessano altri articoli sull’apprendimento del tedesco, puoi leggere anche:

Se ti piacerebbe fare un corso all’estero, leggi le proposte dei nostri partner. Puoi scegliere tra diverse mete: Berlino, Francoforte, Monaco di Baviera, Amburgo o Bamberga.

Contattaci per maggiori informazioni senza impegno. Come?

Cerchiamo traduttori e docenti

Cerchiamo collaboratori per tedesco e inglese

Dato l’intensificarsi delle attività di traduzione e docenza, siamo alla ricerca di nuovi collaboratori di lingua madre inglese e tedesco.

germania

Per essere inseriti nel ns. elenco fornitori, è necessario inviare il proprio cv a freelance@actionlineitaly.com dove siano ben evidenti:

  • i servizi offerti
  • le lingue di lavoro e le combinazioni
  • le tariffe
  • le passate esperienze
  • l’uso di Cat Tools

A chi si propone come traduttore sarà richiesto di svolgere una breve prova di traduzione.

A chi si propone come insegnante sarà fissato un colloquio, presso il ns. ufficio o in video chiamata tramite Skype.

Nel dettaglio cosa cerchiamo?corsi di lingua inglese

Traduttori specializzati per i campi legale, tecnico e marketing che traducano dall’italiano all’inglese e dall’italiano al tedesco.

Insegnanti con esperienza per corsi per adulti lavoratori per lezioni di gruppo o individuali, presso la ns. sede o quella dei ns. clienti. Aree di lavoro: Forlì, Cesena, Ravenna, Rimini.

Saranno valutati con piacere anche cv di professionisti di portoghese e russo.

Se conoscete qualcuno che corrisponde ai profili da noi ricercati, PASSATE PAROLA!

Grazie per la collaborazione.

I ns. contatti: 0543 23916 oppure 0544 202061

E-mail: freelance@actionlineitaly.com

Sede: Via Dandolo 16/a – Forlì (zona centro storico)

Corso di tedesco con insegnante privato

Full-immersion in Germania

Pensato per chi in poco tempo vuole vedere ottimi risultati.

L’insegnante accoglie lo studente nella propria casa a Bamberg, per lezioni one-to-one in formula full-immersion. L’obiettivo è parlare tedesco tutto il giorno, tutti i giorni.corso di tedesco in germania

Questa formula è particolarmente adatta a chi è interessato al tedesco per il lavoro e non ha molto tempo: noi consigliamo di ritagliarsi almeno due settimane, ma il soggiorno minimo è di una settimana.

Il corso è apprezzato anche da chi deve prepararsi ad un esame e vuole essere certo di spendere il (poco) tempo a disposizione nella maniera più proficua.

Gli elementi chiave

Il corso si concentra sul linguaggio specifico, sulla comunicazione e sull’ampliamento del vocabolario utile quando si usa il tedesco per lavoro. Tra i contenuti proposti ci sono:

  • partecipare a riunioni e gestire una trattativa commerciale
  • presentare la propria azienda e il proprio ruolo
  • migliorare le capacità comunicative al telefono
  • scrivere report ed email in maniera efficace
  • fare presentazioni in pubblico
  • socializzare con colleghi e clienti

Corso personalizzato

Perché l’insegnante

  • adatta il corso alle necessità professionali dello studente
  • valuta il livello all’inizio del corso
  • stabilisce un programma individuale insieme allo studente
  • si concentra sulle lacune che limitano le tue capacità comunicative in tedesco

Benefici aggiuntivi

  • le lezioni individuali massimizzano i tuoi progressi
  • vivere a casa dell’insegnante è una vera e propria full-immersion nel tedesco quotidiano
  • la pratica extra al di fuori delle lezioni contribuisce enormemente a migliorare la tua fluency

Diverse sono le opzioni di studio. La proposta base per una settimana in mezza pensione ha un costo di € 1.352.

Per i livelli intermedi-avanzati esiste la possibilità di scegliere di fare un week-end lungo, da venerdì a lunedì, con 24 lezioni e 20 momenti di pratica.

 

Alexandra von Rohr & Joachim Graff

Alexandra von Rohr & Joachim Graff

Per maggiori informazioni puoi visitare la pagina dedicata alla home tuition oppure scrivere in tedesco o in inglese alla scuola: info@businessgerman.com. Alexandra e Joachim sono sempre molto disponibili e potranno rispondere a tutte le tue domande.

In alternativa, se preferisci, scrivi a noi all’indirizzo formazione@actionlineitaly.com o ancora chiamaci ai n° 0543 239160544 202061.

Imparare il tedesco (parte 2)

La ricetta dello strudel di mele in italiano

Per chi – come le mie colleghe – ha vaghi ricordi del tedesco studiato a scuola, insufficienti per comprendere la ricetta dell’APFELSTRUDEL, ecco di seguito la traduzione.

IngredientiStrudel

100 g di burro o margarina
250 g. di farina
1 pizzico di sale
1 uovo
100 ml di acqua
carta forno per la leccarda
4/5 mele asprigne, qualità Annurca o Pink Lady (max. 1 kg)
succo di limone bio
100 g di zucchero (anche di canna)
½ cucchiaio da tavola di cannella in polvere
100 g di uvetta
100 g di fogliette o granella di mandorle e/o granella di nocciole e/o pinoli
zucchero a velo

Tempo di preparazione complessivo 2 ore ¾,
di cui 1 ora effettiva di lavoro

  • Far sciogliere il burro/la margarina e far raffreddare.
  • In una ciotola mettere in successione la farina col sale, l’uovo e 3 cucchiai da cucina di burro/margarina. Aggiungere l’acqua.
  • Impastare bene insieme gli ingredienti o con un cucchiaio di legno o con un mixer. Dopodiché lavorare l’impasto energicamente a mano sulla spianatoia per almeno 10 minuti, fino a che si presenti bello elastico.
  • Ridurre l’impasto a una palla disco e avvolgerla nella pellicola trasparente, ponendolo a riposare per circa 1 ora sotto ad una ciotola riscaldata.
  • Nel frattempo tagliare a misura la carta forno sulla quale stendere l’impasto e sollevarlo poi per posizionarlo sulla leccarda.
  • Sbucciare le mele e tagliarle in quarti, privando gli stessi dei semi; poi tagliare i quarti in fettine sottili e versarvi sopra il succo di limone, affinché i pezzetti di mela non si anneriscano. Eventualmente tostare le granelle in una padellina a calore moderato, senza l’aggiunta di grassi. Far raffreddare
  • Spolverizzare la carta forno posizionata sulla spianatoia con la farina. Stendervi sopra l’impasto col matterello finché sia il più sottile possibile. Spennellarne la superficie con il resto del burro avanzato.DSC00104
  • Accendere il forno e preriscaldarlo fino a 180° (opzione sopra e sotto per forni elettrici). Sulla sfoglia sottile distribuire prima le granelle di mandorle, nocciole e/o i pinoli, adagiarvi sopra le fettine di mela con l’uvetta e cospargerle con lo zucchero e la cannella.
  • Arrotolare lo studel strettamente, partendo dal lato lungo e, sollevandolo con l’aiuto della carta forno, adagiarlo con tutta la carta nella leccarda, dandogli una forma di U, avendo cura di far capitare sotto il lembo di chiusura del rotolo. Spennellare la superficie con il resto del burro rimasto.
  • Infornare nella parte mediana del forno preriscaldato.
  • Far cuocere per 30/40 minuti finché la crosticina non risulti dorata. Secondo il proprio gusto eventualmente spolverizzare con zucchero a velo.
  • Si accompagna bene alla salsa di vaniglia o alla panna montata!DSC00112

e ora non ci resta che dire BUON APPETITO!!!

Se ti abbiamo stuzzicato la curiosità e vuoi rispolverare il tedesco oppure iniziare a studiarlo da zero, contattaci adesso: 0543 23916

Possiamo organizzare corsi di tedesco individuali o per piccoli gruppi (fino a massimo 5 partecipanti): crea tu il gruppo e contattaci! Troverai un’offerta imbattibile!

Sede della Treffpunkt a Bamberg

Sede della Treffpunkt a Bamberg

Vuoi abbinare studio e vacanza? Abbiamo stretto partnership con due istituti in Germania che hanno varie sedi: Francoforte, Monaco, Berlino, Amburgo e Bamberg. Leggi di più alla pagina dedicata.

Per info senza impegno, scrivi a formazione@actionlineitaly.com oppure chiama il n° 0543 23916.

Imparare il tedesco (parte 1)

In cucina con la ricetta dello Strudel

Dopo le esperienze culinarie provenienti dalla Spagna e dalla Francia, è arrivato il turno dell’Austria che scalderà i vostri forni con una ricetta dolce tradizionale: lo Studel. Sicuramente anche questo dolce tipico dei territori germanofoni, amatissimo, oltre che in Austria, in Germania, in Svizzera e nel nostro Trentino Alto Adige, incontrerà anche il nostro raffinato gusto italico, perché alla fine chi dice che oltralpe si mangi male? Sfatiamo insieme questo pregiudizio!

StrudelInoltre l’impasto dello Strudel è un vero globetrotter e piacerà tantissimo a chi, come noi, ha fatto del superamento delle barriere linguistiche e culturali un obiettivo professionale e di vita. In effetti ha raggiunto grande fama ai tempi dei fasti dell’Impero Asburgico, imponendosi anche in Ungheria, Slovacchia e Slovenia, ma originariamente, un po’ come tutti i dolci a base di sfoglia, è nato in Arabia. Viaggiando attraverso Egitto, Palestina e Siria è giunto in Turchia e si deve sicuramente ai Turchi il suo arrivo a Vienna! Infatti questo tipo di impasto si manteneva edibile a lungo ed era facilmente conservabile, pertanto fungeva da ottima provvista ad uso dei militari impegnati nelle lunghe marce di conquista.

Il segreto dello Strudel sta nell’ottenere una sfoglia sottilissima, attraverso la quale si deve intravedere l’eventuale disegno dello strofinaccio su cui anticamente andava stesa. Oggi, per praticità, è più comodo e igienico stenderla su un bel foglio di carta forno. Prima di passare alla ricetta vera e propria e ad un piccolo esercizio linguistico, per unire l’utile… al dilettevole, o meglio alle gioie del palato, ecco un’ultima curiosità legata all’origine del nome Strudel che, in tedesco, è un sostantivo che vuol dire “vortice, gorgo”. Evidentemente, una volta tagliato il “rotolo” formato con la sfoglia, gli intervalli di pasta e ripieno, riconoscibili nelle fette, ricordano appunto un vortice, come ben spiega la definizione del dizionario monolingua Duden:

duden-BM-Berlin-KUNDUZStru|del, der; -s, – [spätmhd. strudel, strodel, zu ahd. stredan, strudeln; 2: nach dem spiraligen Muster der aus der Teigrolle geschnittenen Stücke]: 1. Stelle in einem Gewässer, wo das Wasser eine schnelle Drehbewegung macht u. dabei meist zu einem Mittelpunkt hin nach unten zieht, sodass an der Oberfläche eine trichterförmige Vertiefung entsteht; Wasserwirbel: in einen S. geraten; von einem S. erfasst werden; Ü in den S. der Ereignisse hineingerissen werden. 2. (bes. südd., österr.) Speise aus einem sehr dünn auseinander gezogenen Teig, der mit Apfelstückchen u. Rosinen od. einer anderen Füllung belegt, zusammengerollt u. gebacken od. gekocht wird; (c) Dudenverlag

Pronti? Mettiamoci al lavoro. Ecco la RICETTA dell’Apfelstrudel

Zutaten für 1 Strudel:
100 g Butter oder Margarine
250 g Mehl
1 Prise Salz
1 Ei
100 ml Wasser
Backpapier für das Blech
4/5 säurliche Äpfel (etwa 1 kg)
Saft von 1 Zitrone
100 g Zucker
½ Teelöffel Zimtpulver
100 g Rosinen
75 g Mandelstifte, Pinienkerne bzw. Haselnüsse
Puderzucker zum Bestäuben

Zubereitungszeit: 2 ¾ Std.,
davon Arbeitszeit: 1 Std..

DSC00084

  • Das Fett zerlassen und abkühlen lassen.
  • Das Mehl mit dem Salz, dem Ei und 3 Esslöffeln flüssigem Fett in eine Schüssel füllen. Das Wasser dazugeben.
  • Die Zutaten entweder mit einem Rührlöffel oder mit den Knethaken des Handrührgerätes gründlich verkneten. Anschließend auf der Arbeitsfläche geben und mit den Händen mindestens 10 Minuten kräftig durchkneten, bis der Teig sehr elastisch ist.
  • Den Teig zu einer Kugel formen und in Frischhaltefolie wickeln. Mi einer angewärmten Schüssel abdecken, etwa 1 Stunde ruhen lassen.
  • Inzwischen das Backpapier für das Blech vorbereiten.
  • In der Zwischenzeit für die Füllung die Äpfel schälen, vierteln und das Kernhaus herausschneiden. Die Apfelspalten quer in feine Scheibchen schneiden, in einer Schüssel mit dem Zitronensaft beträufeln, damit sie sich nicht verfärbenstrudel di mele
  • Das Backpapier auf der Arbeitsfläche mit Mehl bestäuben. Den Teig darauf möglichst dünn ausrollen. Mit zerlassenem Fett bestreichen.
  • Den Teig nun von Hand zu einem großen Rechteck ausziehen. Er muss so dünn sein, dass man durch ihn die Zeitung lesen könnte.
  • Den Backofen auf 180° (Option oben und unten falls vorhanden) vorheizen. Zuerst die Haselnüsse gleichmäßig auf dem Teig verteilen. Die Apfelscheiben darauf geben und mit den Rosinen, den Mandeln oder Pinienkernen, dem Zucker und dem Zimt bestreuen.
  • Den Teig von den Seiten her jeweils ganz knapp über die Füllung klappen. Dann von der breiten Seite her aufrollen und damit mit der Nahtstelle nach unten U-förmig auf das Backblech legen. Die Oberfläche mit dem übrigen zerlassenen Fett bepinseln.DSC00107
  • In den vorgeheizten Backofen so einschieben, dass der Strudel sich in der Mitte der Backröhre befindet.
  • Den Strudel in etwa 30/40 Minuten goldgelb backen. Dick mit Puderzucker überstäuben und noch warm servieren.
  • Den Strudel möglichst noch lauwarm mit Puderzucker bestäubt servieren. Dazu reichen Sie am besten eine Vanillesauce oder Sahne.

È inutile dire che la sfoglia dello Strudel si presta anche a ripieni di frutta diversi, per esempio pere e cioccolato, marmellate di vario tipo e creme con semi di papavero.

Diversamente dalle due ricette precedenti, consce della maggiore difficoltà e minore diffusione della lingua tedesca, stiamo preparando la versione tradotta del procedimento (seguici sul nostro blog), così che possiate cimentarvi comunque in tanti.

Ed ora una attività per cimentarsi con il tedesco.

Collega i nomi riportati nel box qui sotto con le immagini numerate.

Küchenwaage Backpinsel Torten- und Kuchenheber Handmixer
Messbecher Nudelholz Rührlöffel Teigschaber
Backgeräte - Attrezzi da pasticceria

Backgeräte – Attrezzi da pasticceria

 

Chissà se questa full immersion nella tradizione pasticcera d’oltralpe vi ha fatto venire la voglia di approfondire le vostre conoscenze del tedesco che vi possono essere utili per lavoro o per diporto, oltre che in Germania, in tanti paesi europei come Austria, Svizzera e Lichtenstein?

Per “prendere confidenza” in maniera soft, cimentandovi in semplici attività per principianti con una lingua a torto considerata ostica, perché poi è assolutamente logica e precisa, quindi adatta a chi voglia studiarla con regolarità e passione, vi segnaliamo alcuni siti ben fatti e accessibili gratuitamente:

Paravia

Pons

Dizionario bilingue de Il Corriere

Pons e Corriere offrono anche la possibilità di consultare dizionari bilingue, il che è sempre comodo.

A presto per la versione in italiano della ricetta!!!

Corsi estivi di inglese e tedesco

Corsi per adulti e ragazzi

Questo è il momento giusto per organizzare i vostri viaggi-studio all’estero per l’estate ormai alle porte.

Grazie alla partnership stretta con cinque scuole in Europa, possiamo offrire corsi di inglese e corsi di tedeso.

Seguite il link del corso che vi interessa per maggiori informazioni oppure scrivete senza impegno a formazione@actionlineitaly.com

CORSI DI INGLESE

  1. per adulti – Business English
  2. per adulti – General English
  3. per ragazzi, con soggiorni in college o in famiglie selezionate
  4. per famiglie in Irlanda

CORSI DI TEDESCO

  1. per adulti
  2. per ragazzi
  3. di aggiornamento per insegnanti
La sede della scuola di Portsmouth

La sede della scuola di Portsmouth

Sede della Treffpunkt a Bamberg

Sede della Treffpunkt a Bamberg

 

 

 

 

 

 

 

 

Cogliamo l’occasione per augurare a tutti BUONA PASQUA! HAPPY EASTER! FROHE OSTERN!

Per le festività pasquali, i nostri uffici di Forlì e Ravenna chiuderanno alle ore 13.00 di venerdì 25 marzo per poi riaprire regolarmente martedì 29 alle ore 9.00

Per urgenze, potete inviare un’e-mail a marketing@actionlineitaly.com

Corso di tedesco e stage in Germania

Studia e fai un’esperienza di lavoro in un’azienda tedesca

did deutsch-institut

Noi abbiamo trovato il partner giusto per farti provare un’esperienza unica: fai un corso di tedesco in una delle migliori scuole in Germania e concludi con uno stage in azienda.

Il DID DEUTSCH-INSTITUT è stata premiata ben cinque volte come una delle migliori scuole in Germania ed è attiva dal 1970.

Scopri i dettagli della loro proposta!

Corso di tedesco in Germania

 

  1. Perché non un semplice corso? Perché così avrai la possibilità di mettere subito in pratica la lingua imparata al corso e potrai entrare a contatto con la realtà lavorativa tedesca.
  2. Dove si tiene il corso? Scegli tu la città che preferisci: Berlino, Francoforte, Amburgo o Monaco di Baviera.

    Sede di Francoforte

    Sede di Francoforte

  3. Lo stage si svolge nella stessa città? Non è detto, dipende dalla disponibilità delle aziende e dal settore di interesse del candidato.
  4. Quali sono i requisiti base? (a) età compresa tra 18 e 26 anni (b) livello di conoscenza del tedesco: B1 in base al quadro di riferimento Europeo (c) aver frequentato un corso Standard, Intensivo o Premium di almeno 6 settimane presso il DID DEUTSCH-INSTITUT.
  5. Che tipo di stage si può fare? Per ambiti come architettura, ragioneria, design o turismo è necessario conoscere molto bene il tedesco (livello richiesto: B2). In alternativa, si può lavorare in ambito alberghiero o ristorativo (livello B1).  Il DID DEUTSCH-INSTITUT non può  garantire che si potrà svolgere lo stage in una precisa azienda o in un ambito di lavoro molto specifico.
  6. Quanto dura lo stage? da 3 a 6 mesi.
  7. Lo stage viene svolto a titolo gratuito? Tutti i posti di stage proposti non sono pagati: tuttavia alcune aziende riconoscono allo/alla stagista una piccola somma di denaro.
  8. Quanto costa fare questa esperienza? Al costo del corso – diverso sulla base della tipologia scelta e della durata (n.b. il minimo richiesto di 6 settimane ha un costo base di € 1.100), si aggiungono € 480 per la pratica. Non sono previsti rimborsi nel caso lo/la stagista decida di sospendere l’esperienza anticipatamente.

001standardkursPer maggiori informazioni, contattaci al n° 0543 23916 oppure scrivendo un’e-mail a formazione@actionlineitaly.com

In alternativa, puoi rivolgerti direttamente al DID DEUTSCH-INSTITUT scrivendo a office@did.de

Corso di tedesco in Germania

Scegli la meta che più si adatta a te: Berlino, Francoforte, Amburgo, Monaco di Baviera

Cosa accomuna Berlino, Francoforte, Amburgo e Monaco? L’esperienza e la serietà del DID DEUTSCH-INSTITUT.

eingang01Premiata ben 5 volte come miglior scuola di lingua in Germania, organizza corsi per adulti e ragazzi, durante tutto l’anno.

In sintesi la loro proposta:

  • soggiorno minimo: 1 settimana
  • livelli: da principiante ad avanzato. Il livello viene valutato con test di ingresso all’arrivo nella scuola e colloquio individuale
  • 20 lezioni a settimana da 45 minuti. I corsisti hanno anche a disposizione il centro di apprendimento multimediale
  • costo del corso: 200€
  • maggiorazione alta stagione (dal 30/06 al 29/08): + 35€
  • orario delle lezioni: dalle 9 alle 12:30 oppure dalle 14:45 alle 18:00
  • programma tempo libero: due attività settimanali ed escursione nel week-end
  • attestato di partecipazione finale
  • sistemazione – a scelta del partecipante – tra famiglia o albergo (non inclusa nel costo sopra indicato)
  • possibilità di servizio taxi dall’aeroporto: 65€

corso di tedescoÈ inoltre possibile prolungare il soggiorno usufruendo di sconti oppure aggiungere lezioni individuali per trattare temi specifici.

Le lezioni hanno un approccio pratico, per favorire la comunicazione orale.

Corso di tedesco - gruppoDimentica le lezioni noiose sui banchi di scuola quando ascoltavi passivamente: gli insegnanti ti coinvolgeranno e ti faranno partecipare attivamente. È così che si impara davvero!

Contatta noi per maggiori informazioni telefonando al n° 0543 23916 oppure scrivendo a formazione@actionlineitaly.com

In alternativa, visita il sito www.did.de oppure scrivi loro un’e-mail all’indirizzo office@did.de